Blog

Psicologia Benessere e Crescita - Consigli e approfondimenti per star bene e crescere insieme

Liberarsi dalla Voce Critica: L’Importanza della Self Compassion e dell’EMDR

In un mondo in cui siamo costantemente bombardati da messaggi negativi e standard irrealistici di bellezza, felicità e successo, non è raro trovarsi in uno stato di lotta interiore. Le voci critiche nella nostra testa possono diventare assordanti, minando la nostra fiducia e il nostro benessere emotivo. Tuttavia, c’è una via di fuga da questo ciclo distruttivo: la compassione verso se stessi e una terapia innovativa chiamata EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing), che possono lavorare insieme per liberarci e guarire.

La Compassione verso Se Stessi

Quando siamo travolti da pensieri negativi su di noi, è fondamentale ricordare che quella voce critica non è la nostra vera voce. Questa voce interiore deriva spesso dalle esperienze passate e dagli insegnamenti dannosi che abbiamo assimilato da caregiver, società o comunità tossiche.

Immagina di sentire quella voce critica nella tua testa che dice: “Sei un idiota, perché hai fatto una cosa del genere?” o “Sei un genitore terribile, non meriti di essere chiamato genitore.” Questi pensieri possono essere estremamente dannosi per la nostra autostima e il nostro benessere emotivo. Tuttavia, attraverso la self compassion, possiamo imparare a riconoscere che questi pensieri non sono la verità su di noi.

La self compassion ci invita a trattarci con gentilezza e accoglienza, proprio come faremmo con un amico in difficoltà. Possiamo sostituire quei pensieri negativi con affermazioni compassionevoli, come ad esempio: “Sono umano, e gli errori fanno parte della vita. Posso imparare da questa esperienza e fare meglio la prossima volta.” Invece di giudicarci duramente, possiamo coltivare la compassione per noi stessi e abbracciare la nostra umanità. La compassione verso se stessi ci invita a riconoscere che meritiamo gentilezza, comprensione e perdono, proprio come ogni altro essere umano.

L’EMDR: un Approccio Terapeutico Rivoluzionario

L’EMDR è una terapia che si concentra sul trattamento dei traumi, ma può essere altrettanto efficace nel lavorare sui sentimenti negativi riguardanti noi stessi. Questa metodologia innovativa si basa sull’utilizzo dei movimenti oculari, delle vibrazioni tattili o di altri stimoli bilateralmente alternati per favorire l’elaborazione dei ricordi traumatici e il ripristino dell’equilibrio emotivo. Attraverso l’EMDR, possiamo esplorare e riprogrammare le convinzioni negative che hanno plasmato la nostra autostima e il nostro senso di autovalutazione.

L’EMDR può essere un prezioso strumento nel lavorare con questi pensieri negativi. Attraverso le sessioni di EMDR, possiamo esplorare le radici di questi pensieri e i ricordi associati ad essi. Ad esempio, se un individuo ha vissuto un’esperienza di abuso verbale in passato, potrebbe essere utile lavorare con l’EMDR per rielaborare quei ricordi traumatici e ridurre l’impatto che hanno sulla percezione di sé.

Durante il processo terapeutico, l’EMDR può consentire a una persona di sperimentare una nuova prospettiva su se stessa. Attraverso l’integrazione di nuove informazioni e l’elaborazione dei ricordi traumatici, si possono sviluppare pensieri più realistici e positivi come: “Non sono un idiota. Ho commesso un errore, ma sono anche una persona che può imparare e crescere.” o “Non sono un genitore terribile. Sto facendo del mio meglio e amo i miei figli.”

Integrazione di Self Compassion ed EMDR per la Guarigione

La combinazione della Self Compassion e dell’EMDR può portare a risultati straordinari nel percorso di guarigione e nel raggiungimento della libertà emotiva. La Self Compassion ci offre un sostegno interiore, ci permette di accogliere i nostri sentimenti con gentilezza e di trattarci con amore e rispetto. Questo atteggiamento compassionevole crea una base sicura da cui affrontare i ricordi traumatici durante le sessioni di EMDR.

Attraverso l’EMDR, possiamo esplorare in profondità le radici dei nostri sentimenti negativi riguardo a noi stessi, affrontare i ricordi traumatici che li hanno alimentati e rielaborarli in modo da ridurre il loro impatto negativo sulla nostra autostima e sul nostro benessere emotivo. Durante le sessioni di EMDR, l’attenzione è rivolta sia ai ricordi dolorosi che alla connessione tra quei ricordi e le nostre convinzioni negative su noi stessi. Attraverso la stimolazione bilaterale, la terapia ci permette di rielaborare e ridimensionare quelle convinzioni, sostituendole con pensieri più positivi, realistici e compassionevoli.

L’EMDR, unito alla Self Compassion, ci fornisce gli strumenti per rompere il ciclo delle voci critiche, liberarci dai bagagli emotivi del passato e riguadagnare la fiducia in noi stessi. È un processo che richiede impegno e lavoro personale, ma i risultati possono essere sorprendenti. Gradualmente, la voce compassionevole all’interno di noi diventa più forte, sostituendo la critica autodistruttiva con l’amore e l’accettazione di sé.

Per Concludere

Se stai lottando con sentimenti negativi su te stesso, ricorda che non sei solo e che c’è speranza. Attraverso l’integrazione della Self Compassion e dell’EMDR, puoi intraprendere un percorso di guarigione e liberarti dalle catene dei pensieri dannosi. Riconoscere che non siamo gli unici ad avere tali pensieri e che meritiamo gentilezza e comprensione ci porta verso una maggiore autostima e benessere emotivo. Con l’aiuto dell’EMDR, possiamo esplorare le origini di quei pensieri e lavorare per rielaborarli in modo più positivo. La Self Compassion ci offre il supporto interno per accogliere la nostra umanità e trattarci con gentilezza, mentre l’EMDR ci guida nella rielaborazione dei ricordi traumatici che alimentano quei pensieri negativi. Insieme, questi approcci ci conducono verso la guarigione e la libertà da una voce critica che non ci appartiene veramente.

 

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Affrontare gli Attacchi di Panico: Il Viaggio di Erica Verso la Guarigione

Erica, una donna di 35 anni, ha iniziato a sperimentare attacchi di panico legati a situazioni sociali circa un anno fa. …

Lutto, elaborazione e feste natalizie

Attraversare il Lutto durante le Feste: Una Guida basata sulla Compassion Focused Therapy e la Teoria dell’Attaccamento

Le festività natalizie sono spesso un momento di gioia, condivisione e amore. Tuttavia, per coloro che hanno perso una persona …

Il Corpo Accusa il Colpo di Bessel van der Kolk: la Mente, il Corpo e il processo di Guarigione dal Trauma

Il trauma è un compagno oscuro nella vita di molte persone, spesso nascosto tra le pieghe della memoria e del corpo. Nel …