Blog

Psicologia Benessere e Crescita - Consigli e approfondimenti per star bene e crescere insieme

Dal Passato al Presente: Come i Traumi Infantili Influenzano i Sistemi di Stress e la Salute Mentale

Nuove ricerche suggeriscono che i sistemi di stress disregolati possono aiutare a spiegare perché i traumi infantili abbiano un impatto psichiatrico così drammatico e duraturo. “Già sapevamo che i traumi infantili sono associati allo sviluppo successivo di disturbi depressivi e d’ansia, ma non era chiaro cosa rendesse le persone che hanno subito traumi precoci più suscettibili a sviluppare queste condizioni psichiatriche”, ha dichiarato Erika Kuzminskaite, candidata al dottorato di ricerca presso il Dipartimento di Psichiatria dell’Amsterdam University Medical Center (UMC), nei Paesi Bassi, a Medscape Medical News. “Le prove indicano ora che i sistemi di stress sbilanciati possono essere una possibile causa di questa vulnerabilità, e la domanda più importante ora è come possiamo sviluppare interventi preventivi”, ha aggiunto.

Lo studio

Lo studio ha coinvolto 2.779 adulti provenienti dallo Studio Olandese sulla Depressione e l’Ansia (NESDA). I partecipanti hanno riferito retrospettivamente di traumi infantili, definiti come abusi emotivi, fisici o sessuali o come negligenza emotiva o fisica, avvenuti prima dei 18 anni. I traumi gravi erano definiti come la presenza di più tipi di abusi o una frequenza aumentata di abusi.

Risultati

Del totale dei partecipanti, il 48% ha riportato di aver subito qualche tipo di trauma infantile, di cui il 21% ha riferito traumi gravi, il 27% traumi lievi e il 42% nessun trauma infantile. Tra coloro che hanno riportato traumi, l’89% aveva un disturbo d’ansia o depressivo attuale o in remissione, mentre l’11% non presentava conseguenze psichiatriche. Tra i partecipanti che non hanno riportato traumi, il 68% aveva un disturbo d’ansia o depressivo attuale o in remissione, mentre il 32% non presentava disturbi psichiatrici.

All’inizio dello studio, i ricercatori hanno valutato marcatori dei principali sistemi di stress corporei, tra cui l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), il sistema immunitario-infiammatorio e il sistema nervoso autonomo (ANS). Questi marcatori sono stati esaminati separatamente e cumulativamente.

In un modello, gli investigatori hanno scoperto che i livelli di cortisolo e infiammazione erano significativamente elevati nelle persone con traumi infantili gravi rispetto a coloro che non avevano subito traumi infantili. Gli effetti sono stati più pronunciati per i marcatori cumulativi dell’asse HPA, dell’infiammazione e di tutti i marcatori del sistema di stress (d di Cohen = 0,23, 0,12 e 0,25, rispettivamente). Non è stata riscontrata alcuna associazione con i marcatori dell’ANS.

I risultati erano parzialmente spiegati dallo stile di vita, secondo Kuzminskaite, che ha osservato che le persone con traumi infantili gravi tendono ad avere un indice di massa corporea più elevato, fumano di più e hanno altre abitudini non salutari che potrebbero rappresentare un meccanismo di “coping” per il trauma. Coloro che hanno subito traumi infantili presentano anche una maggiore incidenza di altre patologie, tra cui l’asma, il diabete e le malattie cardiovascolari. Kuzminskaite ha inoltre sottolineato che le persone con traumi infantili hanno almeno il doppio del rischio di sviluppare il cancro in età adulta.

Quando i ricercatori hanno considerato i fattori di stile di vita e le condizioni croniche, l’associazione con il cortisolo si è ridotta e quella con l’infiammazione è scomparsa. Tuttavia, i marcatori infiammatori cumulativi sono rimasti significativi.

Un altro modello ha esaminato i marcatori immunitario-infiammatori stimolati da lipopolisaccaridi (LPS) in base alla gravità dei traumi infantili. Questo fornisce una misura “dinamica” dei sistemi di stress rispetto ai livelli circolanti statici nel sangue, come fatto nel primo modello, ha spiegato Kuzminskaite. “Questi livelli dovrebbero teoricamente essere maggiormente influenzati da esperienze come i traumi infantili e sono anche meno sensibili allo stile di vita”.

In questo caso, i ricercatori hanno trovato associazioni positive significative con i traumi infantili, in particolare quelli gravi, dopo aver considerato gli stili di vita e i covarianti legati alla salute (indice cumulativo d = 0,19). “Quasi tutte le persone con traumi infantili, soprattutto quelli gravi, avevano un’elevazione delle citochine stimolate da LPS”, ha affermato Kuzminskaite. “Quindi ancora una volta, c’è questa disregolazione del funzionamento del sistema immunitario in questi soggetti.” E ancora una volta, l’effetto più forte si è riscontrato nell’indice cumulativo di tutte le citochine.

Interventi Personalizzati

Kuzminskaite ha sottolineato l’importanza di comprendere l’impatto dei traumi precoci sulle risposte allo stress. “L’obiettivo è quello di avere eventualmente interventi personalizzati per le persone con depressione o ansia correlate a traumi infantili, o addirittura interventi preventivi. Se sappiamo, ad esempio, che qualcosa non va nei sistemi di stress di un paziente, possiamo suggerire alcuni obiettivi terapeutici”.

I ricercatori ad Amsterdam stanno valutando l’efficacia del mifepristone, che blocca la progesterone ed è utilizzato insieme al misoprostolo per l’aborto farmacologico e per trattare l’iperglicemia. “Il farmaco dovrebbe ripristinare il funzionamento del sistema di stress”, ha detto Kuzminskaite.

È comunque importante intervenire sugli stili di vita non salutari “che influiscono realmente sul funzionamento dei sistemi di stress”, ha aggiunto. Gli interventi sullo stile di vita potrebbero migliorare l’efficacia dei trattamenti per la depressione, ad esempio.

Commento

Commentando per Medscape Medical News, Luana Marques, dottorato di ricerca, professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria della Harvard Medical School, ha sottolineato l’importanza di tali ricerche. “Rivelano l’impatto potenzialmente esteso e duraturo dei traumi infantili sul funzionamento. I risultati sottolineano l’importanza di fornire ai giovani a rischio e esposti a traumi le competenze basate su evidenze per gestire lo stress”, ha affermato.

In aggiunta alle importanti scoperte di questa ricerca, è fondamentale sottolineare l’efficacia di approcci terapeutici specifici nel trattamento dei traumi infantili e dei disturbi psichiatrici correlati. Trattamenti che hanno secondo il mio avviso un ruolo decisivo nell’intervenire precocemente sull’utilizzo di stili di vita non salutari. Un metodo che ha dimostrato di essere particolarmente efficace è l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).

L’EMDR è una terapia che integra stimoli bilaterali, come i movimenti oculari o i tocchi alternati, con il ricordo degli eventi traumatici al fine di ridurre l’impatto emotivo negativo associato ad essi. Questo approccio si basa sulla teoria che i traumi non elaborati possono rimanere “bloccati” nel sistema nervoso e che stimoli bilaterali possono favorire il loro processo di elaborazione e risoluzione.

Numerosi studi hanno evidenziato l’efficacia dell’EMDR nel ridurre i sintomi legati ai traumi e nel migliorare il benessere psicologico. Nel contesto dei traumi infantili, l’EMDR può aiutare a elaborare gli eventi traumatici e a ridurre le reazioni di stress e i disturbi mentali che possono manifestarsi in età adulta.

In conclusione, mentre gli studi continuano ad approfondire la comprensione dei meccanismi sottostanti all’impatto dei traumi infantili sulla salute mentale, è incoraggiante sapere che esistono già approcci terapeutici come l’EMDR possono offrire un’opportunità di guarigione e di prevenzione dei disturbi psichiatrici a lungo termine.

Per l’articolo originale su medscape clilcca qui

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Onorando Francine Shapiro: L’Eredità dell’EMDR nella Salute Mentale

A due giorni dall’anniversario della scomparsa di Francine Shapiro, è doveroso celebrare la straordinaria eredità …

Gestione dello stress e tecniche di rilassamento: Strategie pratiche per affrontare la vita quotidiana con serenità

Lo stress è diventato una componente inevitabile della vita moderna. Le pressioni quotidiane, le sfide sul lavoro, i conflitti …

Proteggere i Bambini dall’Abuso Sessuale: Una Guida per i Genitori

L’abuso sessuale è un tema estremamente diffuso purtroppo, ma non viene affrontato con la frequenza che merita. La …