Categoria: <span>Crescita personale</span>

Imparare a stabilire confini chiari

L’Importanza di Stabilire e Rispettare i Propri Confini per una Vita Equilibrata

Vivere in armonia con se stessi è fondamentale per il benessere mentale e fisico. Uno degli elementi chiave per raggiungere questo equilibrio è la capacità di stabilire confini personali chiari. Questi confini, che possono essere di natura fisica ed emotiva, sono essenziali per mantenere una sana interazione con il mondo circostante. In questo articolo, esploreremo l’importanza di stabilire confini in ogni aspetto della vita, non solo per preservare la propria identità, ma anche per favorire una salute mentale ottimale.

Read more

La Teoria Polivagale e la Regolazione Emotiva: Costruire una Cassetta degli Attrezzi per il Benessere Mentale e l’Equilibrio Emotivo

La teoria polivagale, sviluppata dal noto psicologo clinico Stephen Porges (2011), ha aperto nuove porte nella comprensione del nostro sistema nervoso autonomo e della sua influenza sul nostro benessere emotivo e fisico. Secondo questa teoria, il sistema nervoso autonomo si compone di tre rami distinti, ciascuno dei quali regola una risposta diversa alle situazioni di stress e alle interazioni sociali. In questo articolo, esploreremo la teoria polivagale e scopriremo come costruire una cassetta degli attrezzi polivagale personale per favorire il nostro benessere quotidiano.

Cos’è la teoria polivagale?

La teoria polivagale, offre una comprensione approfondita del nostro sistema nervoso autonomo e del suo ruolo nella regolazione emotiva e nell’interazione sociale. Secondo questa teoria, il sistema nervoso autonomo è diviso in tre stati o livelli distinti, noti come “vagale sociale“, “vagale di difesa” e “vagale di sopravvivenza“.

  • Il “vagale sociale” è il livello in cui siamo in uno stato di calma e connessione sociale. In questo stato, il nervo vago, una delle principali componenti del sistema nervoso autonomo, è attivo e favorisce la socializzazione, la comunicazione e l’empatia. Ci sentiamo aperti, sicuri e in grado di connetterci profondamente con gli altri.
  • Il “vagale di difesa” rappresenta uno stato di attivazione moderata del sistema nervoso autonomo, in cui siamo in uno stato di allerta e pronti a far fronte a una minaccia o a una situazione stressante. In questa fase, potremmo sperimentare sensazioni di ansia, ipervigilanza e un’attivazione fisica che prepara il corpo per la lotta o la fuga.
  • Il “vagale di sopravvivenza” è il livello più primitivo e attiva una risposta di emergenza in situazioni di estrema minaccia o trauma. In questo stato, il sistema nervoso simpatico domina e si manifestano reazioni di difesa intense come la paralisi o la fuga totale.

La teoria polivagale sottolinea l’importanza di coltivare un equilibrio tra questi tre stati e promuove l’autoregolazione del sistema nervoso autonomo per favorire il benessere emotivo e relazionale. Costruire una cassetta degli attrezzi polivagale personale implica l’identificazione e l’integrazione di strategie che aiutano a spostarsi consapevolmente tra i diversi stati, favorendo la transizione verso uno stato di calma e connessione.

Le strategie che possono essere incluse nella cassetta degli attrezzi polivagale personale comprendono pratiche di respirazione consapevole, attività fisiche che favoriscono il rilassamento, tecniche di autoregolazione emotiva come la meditazione o la scrittura, esperienze sensoriali rilassanti come l’ascolto di musica tranquilla o l’utilizzo di aromaterapia, e pratiche di connessione sociale che favoriscono il supporto e l’empatia reciproca.

Sperimentando e integrando queste strategie nella propria vita quotidiana, è possibile migliorare la regolazione emotiva, ridurre l’ansia e lo stress, e favorire una maggiore connessione sociale. La cassetta degli attrezzi polivagale diventa così una risorsa preziosa per promuovere il benessere psicologico e fisico, consentendo un’esperienza di vita più equilibrata

La cassetta degli attrezzi polivagale

La cassetta degli attrezzi polivagale rappresenta, come dicevamo, una serie di strategie e tecniche che possono aiutarci a gestire il nostro sistema nervoso autonomo e favorire una maggiore regolazione e benessere emotivo. Costruire la propria cassetta degli attrezzi polivagale personale implica identificare le strategie che funzionano meglio per noi e integrarle nella nostra vita quotidiana. Ecco alcuni strumenti che potresti considerare:

  1. Respirazione consapevole: La respirazione è un potente strumento per influenzare il sistema nervoso autonomo. La pratica di respirare consapevolmente, rallentando il ritmo e portando l’attenzione sul respiro, può aiutare a stimolare il ramo del sistema nervoso parasimpatico che favorisce il rilassamento.
  2. Connessioni sociali: Essendo il sistema nervoso sociale una parte essenziale della teoria polivagale, coltivare connessioni significative con gli altri può avere un impatto positivo sulla nostra regolazione emotiva. Cerca opportunità per socializzare, partecipare a gruppi di supporto o intraprendere attività che ti permettano di connetterti con gli altri.
  3. Movimento e attività fisica: L’esercizio fisico può aiutare a regolare il sistema nervoso autonomo. Trova un’attività fisica che ti piace e che ti faccia sentire bene. Camminare, praticare lo yoga o ballare sono solo alcune delle opzioni che possono stimolare il sistema nervoso parasimpatico e migliorare il tuo benessere.
  4. Autoregolazione emotiva: Impara a riconoscere le tue emozioni e ad adottare strategie di autoregolazione per gestirle in modo sano. Ciò può includere la pratica della consapevolezza, la scrittura di un diario delle emozioni o l’utilizzo di tecniche come la meditazione o il rilassamento muscolare progressivo.
  5. Esplorazione sensoriale: La teoria polivagale evidenzia l’importanza degli stimoli sensoriali nel modulare il nostro stato emotivo. Sperimenta con diversi tipi di esperienze sensoriali, come ascoltare musica rilassante, immergerti in un bagno caldo o goderti una passeggiata in natura. Scopri quali stimoli ti aiutano a sentirti più calmo e centrato.

Un esempio di applicazione: il caso di Anna

Anna è una donna di 35 anni che soffre di ansia e stress cronico. Ha frequenti episodi di iperattivazione, in cui si sente sopraffatta, insonne e in difficoltà nel concentrarsi. Inoltre, ha notato una tendenza a evitare le situazioni sociali a causa dell’ansia sociale che prova. Anna decide di esplorare la teoria polivagale per trovare strumenti utili a gestire i suoi sintomi e migliorare il suo benessere emotivo.

  1. Respirazione consapevole: Anna inizia a praticare la respirazione consapevole come parte della sua routine giornaliera. Ogni mattina, si prende alcuni minuti per sedersi in un luogo tranquillo, chiudere gli occhi e concentrarsi sul suo respiro. Inspira profondamente contando fino a 4, trattiene il respiro per un istante e poi espira lentamente contando fino a 6. Questa pratica le aiuta a stimolare il sistema nervoso parasimpatico e a sentirsi più calma e centrata durante la giornata.
  2. Connessioni sociali: Anna decide di unirsi a un gruppo di supporto locale per incontrare altre persone che condividono le sue esperienze. Partecipare a queste riunioni le offre un’opportunità per connettersi con gli altri, sentirsi compresa e ricevere sostegno reciproco. Le connessioni sociali positive le aiutano a regolare il sistema nervoso sociale e a ridurre l’ansia sociale.
  3. Movimento e attività fisica: Anna scopre che l’attività fisica regolare le aiuta a ridurre lo stress e l’ansia. Decide di iniziare a praticare lo yoga tre volte a settimana. Lo yoga le offre una combinazione di movimento, respirazione consapevole e consapevolezza del corpo. Questa pratica la aiuta a rilassarsi, migliorare la flessibilità e a sviluppare una maggiore consapevolezza del suo corpo e delle sue sensazioni.
  4. Autoregolazione emotiva: Anna sperimenta diverse tecniche di autoregolazione emotiva per gestire l’ansia durante i momenti di iperattivazione. Scopre che la scrittura di un diario delle emozioni le permette di esprimere i suoi pensieri e le sue preoccupazioni in modo privato. Inoltre, pratica la meditazione ogni sera prima di andare a letto per calmare la mente e favorire il sonno.
  5. Esplorazione sensoriale: Anna trova che l’ascolto di musica rilassante e l’immersi in un bagno caldo la aiutano a rilassarsi e a ridurre l’ansia. Decide di creare una playlist di brani che le trasmettono tranquillità e li ascolta quando ha bisogno di rilassarsi. Inoltre, prende del tempo per godersi un bagno caldo con oli essenziali rilassanti almeno una volta alla settimana per creare un’esperienza sensoriale piacevole e rigenerante.

Nel corso del tempo, Anna continua ad esplorare e ad aggiungere nuovi strumenti alla sua cassetta degli attrezzi polivagale personale. Con la pratica regolare di queste strategie, lei comincia a notare un miglioramento del suo benessere emotivo. L’ansia diminuisce, si sente più calma e riesce a gestire meglio le situazioni stressanti. La sua cassetta degli attrezzi polivagale diventa una risorsa preziosa per il suo benessere quotidiano.

Per concludere

La teoria polivagale ci offre un nuovo modo di comprendere il nostro sistema nervoso autonomo e come influisce sul nostro benessere. Costruire una cassetta degli attrezzi polivagale personale richiede un approccio sperimentale e curioso, in cui esploriamo e impariamo ad integrare quelle strategie che funzionano meglio per noi. Sperimenta con i suggerimenti condivisi in questo articolo e scopri quali strumenti polivagali possono aiutarti a raggiungere uno stato di regolazione emotiva ottimale. Ricorda che la costruzione di una cassetta degli attrezzi polivagale personale richiede tempo e pazienza, ma può portare a benefici duraturi per il tuo benessere generale.

Se vuoi approfondire l’argomento, ecco alcuni libri che ti suggerisco:

  • Stephen W. Porges: Ha scritto numerosi articoli e libri sulla teoria polivagale, inclusi “La teoria polivagale. Fondamenti neurofisiologici delle emozioni, dell’attaccamento, della comunicazione e dell’autoregolazione” (2014) e “La guida alla teoria polivagale: il potere trasformativo della sensazione di sicurezza” (2018).
  • Deb Dana: È una terapeuta e insegnante specializzata nella teoria polivagale. Ha scritto il libro “La Teoria Polivagale nella terapia: Prendere parte al ritmo della regolazione” (2019), che offre una guida pratica sull’applicazione della teoria polivagale in terapia.

Read more

Introduzione alla Compassion Focused Therapy: un approccio terapeutico basato sulla teoria evoluzionistica dei sistemi emotivi

La Compassion Focused Therapy (CFT) è un approccio psicoterapeutico basato sulla teoria evoluzionistica della mente, che si concentra sulla promozione della compassione come mezzo per affrontare il dolore, il disagio, emozioni molto complicate da gestire in terapia quali la vergogna e atteggiamenti negativi verso se stessi come l’autocritica. La CFT è stata sviluppata da Paul Gilbert, uno psicologo clinico britannico, e si è dimostrata efficace nel trattamento di vari disturbi, come l’ansia, la depressione, il disturbo post-traumatico da stress e molti altri. Secondo la Compassion Focused Therapy, il nostro benessere emotivo dipende dall’equilibrio tra tre sistemi emotivi: il sistema di auto-protezione (difesa), il sistema di ricerca (ricerca di risorse) e assimilazione (appagamento), e infine il sistema di cura e compassione. Quando questi sistemi sono in equilibrio, siamo in grado di affrontare le difficoltà della vita in modo compassionevole e gentile, senza cadere in eccessi di auto-critica o di auto-complimento (Gilbert, 2009).

Read more

Il concetto di locus of control: come assumere il controllo della propria vita per raggiungere il successo e la felicità

Non c’è dubbio che la vita sia piena di sfide e difficoltà. Spesso ci sentiamo impotenti di fronte a situazioni che sembrano al di là del nostro controllo, e cerchiamo di trovare soluzioni cercando di cambiare gli altri o le circostanze esterne. Tuttavia, l’unico vero controllo che abbiamo nella nostra vita è su noi stessi, sui nostri pensieri, le nostre emozioni e i nostri comportamenti. In altre parole, la chiave per la felicità e il successo è il cambiamento personale.

Read more

La paura può spesso espandersi con maggiore velocità di un virus: prova a diventare un eroe ordinario

La paura può spesso espandersi con maggiore velocità del virus. Vista la natura invisibile del nemico la nostra mente, che in questi giorni é costantemente in allarme, é alla ricerca della migliore strategia per proteggerci. Per farlo ci invia una serie di informazioni quali emozioni (ansia, paura, rabbia, senso di colpa verso di sè e gli altri, ecc…) , sensazione fisiche e schemi comportamentali che hanno spesso a che fare con le reazioni più comuni che si possono avere nelle situazioni in cui un evento minaccia in maniera improvvisa la nostra vita: attacco, fuga, freezing, faint.

Read more

La terapia EMDR per guarire da un forte dolore emotivo

È opinione diffusa pensare che un evento traumatico o un forte dolore emotivo richiedano molto tempo per guarire. La terapia EMDR o Eye Movement Desensitization and Reprocessing ci mostra che la mente può guarire dal trauma psicologico proprio come il corpo recupera da quello fisico.

Read more

L’importanza di costruire “confini sani”

Laura si è sempre vantata di essere la solita ” brava ragazza”. Raccontandosi, dice che da bambina le fu insegnato che essere sempre gentili con gli altri fosse una virtù da coltivare. Così è cresciuta prestando una grandissima attenzione a tutti quei cenni, o risposte positive che ha ricevuto nel tempo, per essere stata gentile nei comportamenti o gradevole agli altri. Laura, possiamo dire, che abbia costruito una buona parte della sua autostima sul mettere i sentimenti e i bisogni degli altri ben al di sopra dei suoi.
Read more

Il dolore rovescia la vita, ma può determinare il preludio di una rinascita

“Il dolore è sempre un’esperienza soggettiva”. Nasce come esperienza prettamente fisica collegata ad esperienze di dispiacere e sofferenza, ma nello sviluppo e nella crescita personale, può assumere connotati e significati specifici per ciascuno di noi.

Read more

Come riconoscere di avere una bassa autostima

Secondo Wikipedia, l’autostima è quel processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l’autoapprovazione del proprio valore personale fondato su autopercezioni. La parola autostima deriva appunto dal termine “stima”, ossia la valutazione e l’apprezzamento di sé stessi e degli altri.
In parole povere, l’autostima si basa sulle credenze che nel corso del nostro sviluppo ognuno di noi si costruisce in funzione delle proprie esperienze e delle risposte che riceve dall’ambiente.
Read more

Vuoi imparare come interrompere le cattive abitudini? Imparane la psicologia che c’è dietro

Possiamo passare infinite ore a ricercare quale sia il modo migliore per cambiare alcune abitudini malsane nella nostra vita. Possiamo leggere libri, cercare articoli e milioni di consigli (alternativi e noi), ma se prima di tutto non capiamo la psicologia che sta dietro le abitudini che coltiviamo da tempo, molto probabilmente non riusciremo ad ottenere nessun reale e sostanziale cambiamento.

Read more

Lasciare Andare il Passato: Il Cammino verso la Guarigione con l’EMDR

Nella ricerca di un equilibrio emotivo e mentale, spesso ci troviamo a confrontarci con il nostro passato. Sia che si tratti …

Imparare a stabilire confini chiari

L’Importanza di Stabilire e Rispettare i Propri Confini per una Vita Equilibrata

Vivere in armonia con se stessi è fondamentale per il benessere mentale e fisico. Uno degli elementi chiave per raggiungere …

Affrontare gli Attacchi di Panico: Il Viaggio di Erica Verso la Guarigione

Erica, una donna di 35 anni, ha iniziato a sperimentare attacchi di panico legati a situazioni sociali circa un anno fa. …